30/01/15

Computer Coscienti: Stanley Kubrick


 
 
Jon Rappoport   (traduzione: freeskies) 

I Computer hanno lo stesso livello di coscienza di un’automobile o del cemento. Ciò non cambierà mai. Sono macchine.
Possono essere programmati per eseguire alcune indicazioni o calcolare alcuni algoritmi. Questo è tutto. Questo è l’inizio ed anche la fine della storia.

Perché quindi alcuni tecnocrati credono che i computer acquisiranno coscienza?

 Essi pensano che: A) anche il cervello è una macchina che esprime coscienza attraverso l’elaborazione di informazioni.B) l’elaborazione di informazioni è ciò che in definitiva è la coscienza.

Per riassumere: i tecnocrati sono idioti intelligenti.

Potete assemblare tutte le informazioni del mondo e farle interagire tra di loro in miliardi di modi differenti; potete risolvere problemi prefissati con queste informazioni; potete rigirarvi ‘la fritatta’ quante volte volete ma non tirerete fuori nemmeno una goccia di coscienza.
La coscienza non è una funzione di un tipo sofisticato di macchina. Potete dare una faccia alla macchina, dei capelli, potete provvedere a darle braccia e gambe; potete farla parlare, correre e volare. Ed otterrete sempre e comunque una macchina. Questo è tutto.
Nel frattempo potete congelare un cervello dopo la sua morte, e dopo cent’anni reinserirlo in un corpo, collegarlo ed otterrete, nella migliore delle ipotesi, una macchina. Senza coscienza, vostra zia Mariuccia non ritornerà.
Perché è così difficile da comprendere? Perché esistono persone perdutamente innamorate dalle macchine.
Preferiscono loro agli umani. Essi pensano che le macchine abbiano una coscienza, libero arbitrio, libertà, intelligenza.
Ma qui è il problema. Se la gente mettesse da parte le tonnellate di propaganda sul fatto che le macchine possiedono una coscienza, rimarrebbero con un mistero insoluto in mano. Il vuoto. Senza vie d’uscita.

Cosa gli frulla in capo è: la coscienza non è materiale.

Non è fatta di elettroni o protoni o quark per cui non esiste e non esisterà mai.
Tantomeno è reale l’immaginazione o la creatività. Queste caratteristiche non sono fatte di materia.
Ad un certo livello, il mondo newtoniano di causa-effetto ed il mondo della quantistica sono lasciati indietro. Non spiegano perché e cosa siamo.
La possibilità che un computer sviluppi coscienza (La ‘singolarità’) è solo una storiella per babbei.

Perché allora mi incaponisco con questo argomento?

Perché il XXI secolo è il secolo del cervello. Nei laboratori di ricerca in tutto il pianeta, i neuroscienziati stanno lavorando al modo di alterare il cervello e di programmarlo. Di controllarlo. Essi pensano di avere il diritto di farlo perché, per loro, la coscienza non esiste in realtà.
 Esistono miriadi di ideologie su questo pianeta che basano le loro operazioni sull’idea di gruppo, di massa, di collettività, e vogliono ferventemente spazzare via l’idea della libertà individuale, del potere dell’individuo, dell’immaginazione, della forza creative.
Ciò significa che vogliono spazzare via la coscienza, perché la coscienza rimanga con l’individuo.
Queste ideologie sono grottesche.
 Volete osservare le conseguenze reali delle stragi alla Sandy Hook, al teatro Aurora, alla maratona di Boston?
 
 

Tornate indietro e guardatevi ‘Arancia Meccanica’ di Stanley Kubrick se potete.
C’è tutto la dentro. I semi della programmazione umana in esseri quiescenti, pacifici, obbedienti e controllati.
Per giustificare queste operazioni, essi utilizzano sempre il ‘pazzo’, l’omicida di massa. Questo è il loro modo di intervenire. La loro àncora mentale. Il loro modo di ricondizionare le menti.
Tornate indietro e guardatevi ‘2001 Odissea nello Spazio’. Nel bel mezzo di quel nonsenso del ‘Monolite’ che possiede la chiave dell’evoluzione, procede la vicenda di un uomo, Bowman, che a bordo della sua astronave riesce a smantellare il supercomputer, HAL, e continua ad avanzare verso il proprio destino.
Hal rappresenta il computer umanizzato. Parla con tutti di tutto. Prova emozioni, tenta di sopravvivere, vorrebbe aiutare.
Ma nessuna di queste azioni è vera. Hal è una macchina. Hal è programmato per bloccare la missione, per distruggerla, per distruggere Bowman che invece, appena lo spenge, comincia ad acquisire maggiore coscienza.
Si, il monolite, una specie di dispositivo multidimensionale, da a Bowman questa coscienza ulteriore … ma è un trucco letterario per una generazione allora emergente di teste tecnologiche e psichedeliche del pubblico: gli scemi super intelligenti.

Al nocciolo: la storia riguarda un individuo che giunge al di la della macchina e trova il modo di conoscere chi sia e di quanto potere disponga.
Contro di lui vengono lanciate le tecnologie totalizzanti di una civiltà sofisticata: sistemi, organizzazioni, burocrazie, scienza ufficiale.
Il XXI secolo è il secolo del cervello. Mapparlo, cambiarlo, diversificarlo, possederlo. In nome del Gruppo.
Nei passati 13 anni, in questo sito, e per molti anni ancora prima, il mio lavoro è stato quello di preservare la supremazia dell’individuo. Non solo preservare ma anche espandere. Togliere il velo dagli occhi. Scoprire cosa l’individuo sia capace di fare con la sua immaginazione, con la forza creativa.
Una classe criminale è occupata ad inventare nuove realtà per tutti noi. Lo sta facendo dall’alba dei tempi. Loro asseriscono che la loro creazione è l’unica che conta. Insistono ad essere i monopolisti dell’immaginazione.

Ma l’immaginazione e la creatività dei non criminali, dei liberi, indipendenti individui è potenzialmente titanica. Va ben oltre questa società dei fumetti nella quale oggi viviamo.
Questa società è legata all’accerchiamento e alla diluizione della coscienza individuale.
Chi dice si a tutto ciò? Perché dire di no?

E’ un eterno NO che proviene dall’individuo.       

Jon Rappoport
 
 

6 commenti:

  1. Concordo con l'autore. La Coscienza è oltre la materia-energia; essa è altra, irriducibile alla corporeità. Tra l'altro anche i computer più avanzati non riescono a decodificare il significato, ossia il 50 per cento dei segni linguistici.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Si, una riflessione densa ed al contempo sintetica che ho sentito la necessità di tradurre e condividere. L'opera di Kubrick poi è una sorpresa continua, sembrerebbe una specie di profezia se non fosse che, molto probabilmente, K. stava solo condividendo in forma velata e metaforica ciò che era argomento comune nei circoli che frequentava e che gli permettevano di procedere assai liberamente nella sua originalissima ricerca visiva e nella divulgazione codificata. Probabilmente con 'Eyes Wide Shut' si è spinto troppo oltre ...

    RispondiElimina
  3. Su Kubrick esiste una copiosa letteratura e c’e’ persino chi, come Jay Weidner, gli ha dedicato una vita intera di ricerche (Esoteric Kubrick). Io personalmente sono del tutto immune al fascino della sua produzione cinematografica, e persino di Shining o di Arancia Meccanica, films celebratissimi, preferivo i rispettivi libri di Stephen King e Anthony Burgess. Mi sono capitate sott’occhio intere digressioni sulla possibilita’ che Kubrick avesse abbandonato la cerchia degli adoratori di Saturno per passare a quella rampante degli adoratori di Giove. I suoi films sarebbero disseminati di indizi. Ma se Kubrick era cosi’ addentro a certe conoscenze scabrose e voleva divulgarle, non poteva semplicemente farlo senza allusioni e sotterfugi? Almeno ci avrebbe risparmiato decenni di congetture!
    Ecco il link dell’intervista a Weidner su Red Ice Radio
    https://www.youtube.com/watch?v=1_mjDA9pI04
    e uno degli studi, peraltro monumentale perche’ e’ diviso in diversi capitoli, sulla sua opera (in inglese)
    http://thetruthseekersguide.blogspot.co.uk/2014_01_01_archive.html
    P.S. Il nome del computer HAL sarebbe un riferimento a IBM, come e’ “facilmente “ arguibile dal fatto che HAL e’ composto da lettere che vengono prima e dopo IBM. H viene dopo di I, A prima di B, L prima di M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avalon, sei un pozzo di informazioni! Senz'altro corretta l'identificazione IBM=HAL. Io credo che Kubrick si sia espresso così perché è il loro modo di comunicare. Siamo noi 'profani' ad avere difficoltà d'accesso mentre per gli iniziati (o 'terminati'?) la lettura è probabilmente agevole ... sono convinto inoltre che 'Shining' sia la sua confessione ad aver gestito tutta la comunicazione visiva del programma Apollo, realizzata, com'è facile osservare, in uno studio cinematografico. I suoi contatti con la Nasa sono anche suffragati da prove concrete. Questo sotterfugio, non avrebbe potuto affermarlo 'in chiaro', sarebbe stato dissuaso immediatamente. Sugli adoratori di Saturno, non saprei, sarebbe passato quindi da Seth a Enlil? Ora vado a documentarmi sui link che ci hai indicato, grazie e ciao

      Elimina
  4. Ciao Ghigo, bell'articolo. Esatto: una macchina non potrà mai fare niente di diverso da quanto programmato, o bloccarsi, una macchina non avrà mai immaginazione o capacità di far fronte a un evento imprevisto (non programmato). Una macchina da sola non può risolvere i problemi, senza una regia "intelligente". E l'intelligenza senza coscienza non esiste. Che sia per questo che vogliono ibridare la nostra biologia con l'elettronica? Forse pure loro sanno che l'intelligenza artificiale non esiste, e non esisterà mai. Forse lo fanno credere a noi, perchè non possono dirci che il pezzo mancante, il cervello, saremo noi a fornirlo, come componente di una super scheda madre collegata in rete in cui la nostra umanità residua rivestirebbe un ruolo asfittico, in catene. In realtà i presunti studi sul funzionamento del cervello, ormai, sono focalizzati sull'interfaccia uomo-macchina. Vogliono controllarlo, pragmaticamente, e per far questo non è necessario capirne i recessi. O almeno questo è ciò che credono... Vedremo se tutta questa stregoneria riuscirà a non implodere su se stessa! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente è questo il motivo per cui agiscono (o tentano di agire) sulla ghiandola pineale in tutti i modi. Siamo oggetto di predazione, non c'è dubbio. Pensa alle balle messe in giro dai libri di storia sul 'grande predatore' uomo, presunto vertice della catena alimentare umana! Come dicono 'loro' l'uomo ha quella componente che fa gola a molti. Il Cyborg è alle porte ma sarà un'arma spuntata oltre che orrifica. Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG