09/02/15

Haarp, Propaganda e Catastrofi da Geoingegneria


 
Tutte queste operazioni sono al contempo nascoste, ignorate ed attuate dai sedicenti leader con la complicità dei loro media. Quale tipo di struttura di potere potrebbe agire in questo modo e perché? Esistono risposte chiare se vuoi ‘unire i puntini’ da 1 a 10. La vera domanda da porti è: ti stai arrendendo a prendere tutto ciò che ti propinano per buono? Visita il sito di Dane Wigington per un ampio spettro di esempi, DVD, altre informazioni e proposte di azione concrete. Zen.

HAARP CONTINUA AD OPERARE, LA GEOINGEGNERIA CONTINUA A GENERARE CAOS

Nella Primavera del 2014, la struttura di potere ed i media di regime hanno tentato di convincere la popolazione sempre più costernata che non erano in corso operazioni di modifica del clima ed a prova di ciò, hanno affermato che l’impianto HAARP era in stato di smantellamento. Alcuni di noi non sono stati convinti della chiusura dell’impianto HAARP e, come possiamo ben notare oggi, non è stato affatto smantellato. La follia dell’ingegneria climatica continua ad operare ed a decimare la vita sul nostro pianeta mentre i controllori del clima tentano disperatamente di nascondere il danno già perpetrato da questi programmi nocivi. Il frenetico assunto di congelare alcune delle zone più popolate degli Stati Uniti è in corso.
 
 
La manipolazione delle correnti a getto ed il congelamento della condensa controllato con sostanze chimiche tossiche sono i due strumenti primari utilizzati per creare zone di freddo intenso in un pianeta che si sta invece riscaldando. I media di regime sensazionalizzano le tempeste invernali ingegnerizzate con l’intento di confondere la popolazione tenendola divisa sul reale andamento del clima planetario. Ciò fa loro prendere tempo per realizzare al meglio il collasso totale pianificato. La cosa migliore che possiamo fare è informare sui crimini climatici commessi, ciò potrebbe indurre una rivolta contro ‘la cabala della follia’ che sta governando il pianeta. Fatti sentire, diffondi informazioni sull’ingegneria climatica a chi puoi raggiungere, ogni giorno è importante per questa battaglia.
 

11 commenti:

  1. Ciao Ghigo. Qualcuno insiste a dire che tramite la geoingegneria sia possibile modificare il meteo, non il clima. Si possono generare tempeste, uragani, pioggia, deviare le perturbazioni, diluirle o farle ingrossare, è possibile scatenare cataclismi, certo, come abbiamo già visto in passato (e come testimoniano decine di brevetti, da Tesla a Eastlund passando per il Pentagono). Ma modificare il clima è un'altra storia.. Anche gli studi fatti dalla NASA per deviare la radiazione solare prevedono interventi di aviodispersione ad alte quote, oltre i 12-15.000 metri. Invece, quando è possibile riconoscere la forma della fusoliera di un aereo, sappiamo che vola molto più basso.. di solito 'sciano' fra i 2.000 e i 5.000 m. Del bombardamento delle zone di faglia critiche al fine di scatenare terremoti non parliamo neppure, sappiamo che è possibile tramite i riscaldatori ionosferici. Eppure anche in questo caso occore sommare alle forze in gioco condizioni preesistenti in natura, come si fa intervenendo su una perturbazione per farla divenire, ad esempio, un uragano. Non so se qualcuno ha notato come siano quasi spariti gli uragani, negli ultimi due anni, dopo un periodo 'caldo'. Gli uragani si formano quando l'oceano è molto caldo, e questo sta cambiando. Consideriamo che, storicamente, negli ultimi 2 milioni di anni si alternano periodi glaciali della durata media di 100-120.000 anni a periodi interglaciali caldi della durata media di 10-12.000 anni. Anche ora siamo in un periodo interglaciale caldo, che - con sali e scendi - si protrae da oltre 11.000 anni. Le transizioni, ci dicono gli esperti, non sono brusche, ma vedono un susseguirsi di sbalzi caldo/freddo, un aumento delle precipitazioni, dell'attività tettonica e vulcanica, per poi stabilizzarsi nel giro di qualche decennio o qualche secolo (i tempi del pianeta non sono i nostri). I periodi di raffreddamento (che sono la norma) sono preceduti da brevi periodi di riscaldamento (come quello da cui stiamo uscendo). Ora, se assumiamo per un attimo che il clima dipenda dalla nostra stella il Sole, dobbiamo considerare il brusco calo dell'attività solare degli ultimi anni, preludio della fine di questo interglaciale caldo. Se assumiamo - per un attimo - che questo sia un momento di transizione verso un periodo di raffreddamento globale (come mostrano un'infinità di dati), resta da chiedersi se la geoingegneria non nasconda, in realtà, attività di BIOingegneria, che ci riguardano da vicino. Certo, sappiamo dei paciughi di Monsanto & co., e dei disastri meteorologici indotti artificialmente. Eppure.. quegli aerei, sopra casa li vedo tutti i giorni, e questa non è una zona colpita da siccità o inondazioni frequenti. Quindi.. Se si approfondisce il discorso "ere glaciali", i dubbi non possono non venire. Perfino alcuni siti gatekeeper parlano liberamente di geoingegneria. Perfino il portavoce della Casa Bianca ha ammesso la pratica della geoingegneria già 3 o 4 anni fa. Che sia l'ultimo scudo dietro cui nascondere le quotidiane operazioni di ingegneria genetica, piuttosto che climatica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consideriamo pure che in Antartide non circolano aerei, di norma, eppure i ghiacci stanno aumentando a dismisura, e in questo momento, a metà estate, la fusione degli stessi sta procedendo molto più a rilento del solito. Anche l'Artide, che avrebbe dovuto essere libera dai ghiacci entro il 2014, gode di ottima salute ed ha recuperato in poco più di due anni i ghiacci precedentemente persi, risultando adesso quasi in media.
      Ora, se consideriamo che il tema della geoingegneria è stato di recente introdotto perfino in alcuni testi di studio per ragazzi delle scuole medie, viene da chiedersi se sia un'esplosione di verità che viene a galla, o, forse, l'ennesima copertura. In fondo, se non è facile accettare l'ingegneria climatica, nel caso venisse a galla l'ipotesi di una mastodontica operazione di bioingegneria su larga scala scoppierebbe il finimondo.

      http://www.attivitasolare.com/?s=glaciazione
      https://versounmondonuovo.wordpress.com/?s=glaciazione
      http://www.attivitasolare.com/come-lentamente-muore-una-delle-tante-truffe-il-global-warming/

      Elimina
    2. C'erano anche questi link ma se li è mangiati

      http://www.homosapienshibernus.com/freddo-verra/
      http://www.attivitasolare.com/gore-lipcc-falso-mito-creato-dellartico/
      http://www.attivitasolare.com/estensione-da-record-dei-ghiacci-marini-globali-ai-massimi-livelli-dal-1979/
      http://www.attivitasolare.com/ghiacci-marini-antartici-nuovi-record-di-estensione-per-il-periodo/

      Ciao

      Elimina
    3. Ho tradotto questo post proprio per suscitare interrogativi come quelli che tu ti poni e che anche io mi sono posto. Secondo Wigington la geoingegneria servirebbe a 'coprire' il surriscaldamento planetario. Sicuramente ha gettato scompiglio tra i 'sostenitori' del riscaldamento globale e quelli che intravvedono invece un futuro prossimo glaciale. Considerando l'attività solare io propenderei per la seconda ipotesi ma i dati climatici sono artefatti e manipolati (ricordi il 'climagate'?) ed è quindi assai difficile farsi un quadro certo della situazione. Resta il fatto che, come giustamente osservi tu, non sia possibile considerare come separate operazioni di irradiazione, di modifica genetica e diffusione di organismi GM con le note operazioni di geoingegneria che solo ormai gli stolti poco informati ed in malafede considerano inesistenti. Una grande trasformazione è in atto e nulla sarà più come prima. Per concludere, credo che sia in atto una manipolazione della biosfera terrestre che si avvale di molti strumenti diversi ma che hanno un fine comune. Non so davvero cosa ne uscirà fuori, temo solo che non sarà di nostro gusto ... nel frattempo, osserviamo. Il fatto però che personaggi oscuri come Al Gore si diano da fare per propagandare lo spauracchio del 'riscaldamento globale' mi fa sospettare parecchio. Se hai notato infatti sono anni che si parla solo di 'cambi climatici' per giustificare tutte le nefandezze generate dai 'degenerati' della bio-geo-ingegneria. Ciao

      Elimina
    4. Un'osservazione aggiuntiva: i più grossi investimenti immobiliari degli ultimi decenni si sono verificati in aree oggi caldissime (emirati, estremo oriente, centro Africa) e quasi inospitali. Mi domando se gli investitori miliardari sappiano qualcosa del clima futuro che noi non conosciamo ...

      Elimina
    5. Esatto. In più c'è il discorso carbon tax e quote aria, il giro di pizzo più grande al mondo, si parla di trilioni di dollari, biliardi di euro. Senza riscaldamento globale non ci sarebbe alibi.. :) ciao

      Elimina
  2. Stimo Dane Wigington, ma mi pare che enfatizzi eccessivamente il pericolo del riscaldamento. Certo, se consideriamo il metano che sarebbe rilasciato nella tundra, potrebbe aver ragione, ma davvero ciò sta avvenendo? E' più probabile che il pianeta si stia avviando verso una piccola era glaciale. Che la Natura sia stata in alcuni casi sconfitta, è dimostrato dalla California trasformata in deserto nell'arco di due decenni.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. A proposito di clima globale.

    La differenza sta nello strato di ozono completamente distrutto (soprattutto dalle esplosioni nucleari in alta atmosfera) e nel passaggio quasi totale di UVB, letali per la via sulla terra. Peraltro le attività di aerosol hanno accelerato la distruzione dello strato protettivo di ozono nonché la magnetosfera, per cui la storiella della "copertura per il nostro bene" non regge! Al contrario la geoingegneria clandestina serve a compensare la minore efficienza della ionosfera (disgregatasi per via della minore attività solare) creando zone di atmosfera simil-plasma adatte alle trasmissioni radar-satellitari sia in ambito militare sia in ambito civile.

    RispondiElimina
  4. Per tentare di comprendere il caos climatico.

    E’ imminente una piccola era glaciale? Alcuni scienziati avvertono che il Sole è ‘andato a dormire’ e che le temperature potrebbero scendere ancora nel corso del 2014. Il 2014 sarebbe dovuto essere ricordato come l’anno del ‘massimo solare’. I ricercatori hanno constatato, invece, che l’attività solare è solo una frazione di quella che ci si aspettava, con condizioni molto simili a quelle registrate nella meta del XVII secolo, quando una piccola era glaciale investì la Terra. Nel 1645, all’inizio dell’era del minimo di Maunder, ghiacciò addirittura la superficie del Tamigi.

    L’attività solare è al minimo degli ultimi 100 anni. I ricercatori credono che questa fase potrà causare importanti variazioni nelle temperature globali.

    “Qualsiasi sistema di misurazione si adoperi, è evidente che il picco solare sta scemando”, asserisce il Dr. Richard Harrison del Rutherford Appleton Laboratory nell’Oxfordshire. “Sono fisico solare da trent’anni e non ho mai osservato nulla di simile’.

    Lucie Green della U.C.L. ritiene che le cose potrebbero essere differenti oggigiorno, considerando l’apporto antropico sul clima globale. La Green dichiara: ‘L’attività umana potrebbe contrastare tale andamento, anche se risulta assai difficile elaborare delle previsioni’.



    Come si può notare da questa carrellata di autorevoli pareri, sembra che il pianeta si stia avviando verso il raffreddamento. Tuttavia il già complesso sistema climatico mondiale è reso ancora più complicato dalle operazioni di geoingegneria clandestina il cui impatto sulle dinamiche atmosferiche è pesante ed indiscusso. Dane Wingington, studiando gli andamenti termici ed altre variabili meteorologiche regioni, ritiene che in alcune aree del globo le temperature stiano scendendo, mentre in altre esse stanno crescendo. Qui sono associate ad una grave carenza di precipitazioni. E’ palese che è arduo districarsi: vediamo allora di valutare i fattori che incidono sul clima attuale per tentare di preconizzare gli sviluppi futuri.

    1. Attività solare
    2. Interventi di geoingegneria abusiva
    3. Altri aspetti naturali ed antropici

    1. Già alcuni scienziati russi e l’astronomo statunitense Eric Dollar [1] tempo addietro avvisarono che l’attività della nostra stella era sempre più debole e ciò induceva a presagire un raffreddamento globale.

    2. La geoingegneria clandestina determina squilibri e sconvolgimenti disparati, ora provocando un incremento delle temperature ora generando l’effetto contrario. In alcuni casi favorisce la siccità, in altre circostanze alluvioni. Le chemtrails, abbinate all’azione dei riscaldatori ionosferici, catalizzano ed estremizzano le manifestazioni naturali o ne alterano il corso, aggiungendo caos al caos. In particolare lo spostamento e la frantumazione della corrente a getto possono spiegare le aberrazioni meteorologiche di questo inverno.

    3. Tra gli eventi che sono decisivi non si può trascurare l’influsso delle correnti marine: il rallentamento della Gulf stream è destinato a rendere rigido il clima di molte regioni dell’emisfero settentrionale.

    Sviscerati questi tre parametri ed i loro numerosi risvolti, si può tentare di definire dei modelli predittivi che dovranno, però, essere continuamente adattati all’evoluzione dei vari “ingredienti” (naturali e no) ora in sinergia ora in conflitto tra loro. In questo quadro confuso, una cosa sola è certa: ghiaccio o fiamme, sarà grama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima sintesi. L'attività solare è certamente ai minimi e la calotta metallizzata artificiale (ben irradiata dai noti impianti a terra) potrebbe essere stata creata per sopperire a tale necessità. E' evidente però l'uso distruttivo di questo apparato planetario. Gli Stati Uniti ad esempio sono stati divisi in due: una zona ad ovest desertificata ed una ad est congelata. Purtroppo nessuno dispone di dati certi in quanto la longa manus dei burattinai è riuscita ad impossessarsi dei principali centri di raccolta dei dati climatici come quello dell'IPCC, al centro del noto scandalo denominato 'climagate'. Come accade in altri contesti (quello finanziario ad esempio) è quasi impossibile fare previsioni tanto ci si è adoperato in modo clandestino a disconnettere gli eventi dal loro naturale svolgimento. Anche la 'Storia' è stata condizionata grazie agli eventi false-flag (praticamente tutta la cronaca locale ed internazionale ormai) ... questi qua vogliono tenere nelle loro mani le redini di tutta 'la baracca', DNA compresi. Ciao e grazie

      Elimina
    2. Sì, ottima sintesi Zret. Aggiungerei che gli effetti della geoingegneria sul clima potrebbero essere 'meri risvolti' collaterali, se il target fossimo soprattutto noi e la biosfera in genere; possibilità anche questa da non scartare del tutto. Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG