28/02/15

Ulteriori Prove della Menzogna e del Complotto


L'ENORME NUVOLA DI POLVERI DI TIPO PIROCLASTICO
All’attenzione dei giornalisti allineati ed ‘anticomplottisti’:
E' in rete da più di 10 anni un sito dal sintetico titolo http://www.ae911truth.org/ che riassume le analisi tecniche di migliaia di architetti ed ingegneri di tutto il mondo sulla dinamica dell’esplosione e del successivo collasso strutturale delle torri gemelle (WTC1 e 2) e del grattacielo 7 (WTC7) in quel dell’11 di Settembre 2001 a New York.
Di quelle minuziose ed accurate analisi effettuate da esperti del settore costruzioni (cioè da chi progetta, verifica, costruisce e collauda tali strutture) se ne possono estrapolare alcuni aspetti sorprendenti che fanno luce sulle vere ragioni di quell’anomalo collasso strutturale di 3 moderni grattacieli in acciaio, al seguito di 2 probabili schianti di aerei di linea.
Riporto i 10 punti critici di tale analisi, ricordando che esiste un ulteriore sito tecnico/scientifico dal titolo 911scholars.org che elenca le analisi parallele di centinaia di fisici e scienziati in merito agli stessi eventi, giungendo a conclusioni simili. Accanto a loro inserisco la mia traduzione in italiano (un poco frettolosa, me ne scuso) tra parentesi - i link ai video esplicativi sono nel testo in inglese in colore nero:
1.         Rapid onset of destruction – (rapidità della distruzione)
2.         Constant acceleration at or near free-fall through what should have been the path of greatest resi stance – (Accellerazione costante vicino a quella di caduta libera, che avrebbe dovuto invece incontrare una elevata resistenza)
3.         Numerous eyewitness accounts of explosions including 118 FDNY personnel(resoconti di numerosi testimoni – tra cui quelli del personale del 118 - che raccontano di aver udito una serie di esplosioni a catena)
4.         Lateral ejection of multi-ton steel framing members distances of 600 feet at more than 60 mph – (proiezione laterale di pesanti frammenti in acciaio a distanze superiori ai 600 piedi ed alla velocità di più di 60 miglia orarie)
5.         Mid-air pulverization of 90,000 tons of concrete, and large volumes of expanding pyroclastic-like dust clouds – (polverizzazione di 90.000 tonnellate di cemento armato e creazione di una nube di polvere di tipo piroclastico di grande volume)
6.         Isolated explosive ejections 20 to 60 stories below the “crush zone” – (Proiezioni esplosive isolate provenienti anche 20 o 60 piani al di sotto dalla zona d’impatto)  
7.         Total destruction and dismemberment of all three buildings, with 220 floors each an acre in size missing from the Twin Towers’ debris pile – (Distruzione totale e smembramento di tutti e tre gli edifici, con 220 piani totali scomparsi in un mucchio di macerie)
8.         Several tons of molten steel/iron found in the debris piles – (diverse tonnellate di acciaio fuso trovato nel mucchio di macerie)
9.         Evidence of thermite incendiaries on steel beams – (tracce di termite incendiaria nei pilastri in acciaio)
10.      Nanothermite composites and iron microspheres found in WTC dust samples – (Compositi a base di Nanotermite e microsferule di ferro trovati in campioni di polvere del WTC)
 
ELEVATE DISTANZE TRA I WTC 1 E 2 (LE TWIN TOWERS) ED IL WTC7 
Quello che avete appena letto è l’elenco sintetico dei punti critici non 'trattati' dalla ricostruzione ufficiale dei fatti, redatta dalle istituzioni governative a seguito degli attentati del 2001. Tra la realtà e la sua ricostruzione ufficiale l’abisso è quindi enorme. Esiste ancora al mondo qualcuno che afferma che il collasso strutturale dei 3 grattacieli di New York si è verificato al seguito dell’impatto di 2 velivoli di linea su 2 degli edifici. Ciò è falso.
E’ talmente falso e difficile da accettare (soprattutto il fatto di essere stati presi per il culo da decenni) che la mente di milioni di esseri umani lo rifiuta. E’ il motivo per il quale si nega l’evidenza. La paura di dover riconsiderare l'oceano di cazzate che ci sono state gettate addosso dall’alba dei tempi sulla nostra origine, sul perché dei sistemi stato, sulla vera motivazione dei conflitti.
La menzogna è un approdo sicuro. Lasciamoci cullare in essa, soprattutto quando a sussurrarla sono le calde voci degli showman/giornalisti di regime. Meglio un decoroso oblio. Uno stato oppiaceo alimentato dal feroce calcio e dalla ferocissima televisione. Una vita all’insegna del disinteresse per se stessi, in balia del primo ‘esperto’ di turno. Buona fortuna a coloro che credono nelle favole. Una vita da fanciullino un pò grullo in un corpo peloso da adulto li attende.
 

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG