24/03/15

Propaganda per il Transumanesimo


 
L'imposizione sottile ma perentoria del transumanesimo (leggasi: annichilimento del genere umano) passa anche attraverso queste macabre operazioni mediatiche. La Jolie, un sex symbol internazionale, utilizza nuovamente il suo corpo come vistoso elemento di oscura propaganda. L’asportazione dei seni ed ora delle ovaie in forma preventiva è un’azione aberrante e preoccupante. Proviamo a scoprirne motivazioni e finalità.

Un messaggio implicito di fondo: il corpo umano è perfettibile perché potenzialmente difettoso. Uno dei capisaldi dell’atroce transumanesimo.
Un secondo possibile messaggio implicito: la medicina preventiva è l’avanguardia della cura della salute, anche se porta a soluzioni potenzialmente ed apparentemente aberranti.
Terzo messaggio implicito (del tutto erroneo): la ricerca genetica è la chiave di lettura preferenziale del futuro del genere umano, in grado di dare risposte certe e previsioni attendibili.
Quarto contenuto implicito: il corpo umano è un elemento distinto dalla mente, dall’anima e dallo spirito. Esso può essere manipolato a piacimento senza alterare le altre componenti ed anzi, la sua manipolazione è foriera di benessere e serenità.

Non saprei davvero se dietro il sorriso vitreo della Jolie si nasconda chissà quale altro messaggio sottile trasferito all’umanità in queste modalità mediatiche tutto sommato efficaci e dirompenti per le masse. Spero davvero che l’esempio distorto ed inquietante dell’attrice non sia seguito da nessuno.

La notizia, in sintesi, tratta da ADN Kronos:

"Angelina Jolie ha annunciato sul 'New York Times' di essersi sottoposta a un intervento per l'asportazione chirurgica delle ovaie. Già due anni fa aveva sollevato non poche polemiche la sua decisione di operarsi al seno, sottoponendosi a una mastectomia, dopo aveva scoperto di avere il gene Brca1. Questo mattoncino del codice genetico aumenta in modo considerevole il rischio di essere colpiti da un tumore al seno o alle ovaie.


"Non tutte le donne devono per forza ricorrere a questa scelta - ha scritto la Jolie, che ha perso la madre per un tumore - ci sono anche altri metodi preventivi". La Jolie, dopo il consulto con i chirurghi, e dopo averne parlato con il marito Brad Pitt, ha deciso di operarsi. "Nel mio caso i medici sono convinti che la rimozione delle ovaie è la scelta migliore, sopratutto - ricorda - visto quello che è accaduto a tre donne della mia famiglia, morte per un cancro". "Il tumore all'ovaio a mia madre è stato diagnosticato a 49 anni, io ne ho 39", ricorda la signora Pitt. E sottolinea: "Mi sento ancora molto femminile. So che non è possibile rimuovere tutti i rischi. Ma so anche che i miei figli non diranno mai 'mamma è morta per un cancro ovarico".
 

4 commenti:

  1. Ciao Ghigo. Sì, ora manca solo una prostata bionica per brad pitt. Se ce l'ha lui, ne voglio una pure io ;) ....Aveva ragione la mia bisnonna. Quando stava per morire, un venticinque anni fa, ha detto più o meno: "Io ho visto il meglio. Da qui in avanti vedrete che andrà sempre peggio e che il cosiddetto progresso, in realtà, è un imbroglio". Cavolo se aveva ragione.. Cmq tornando al bisturi.. se non è indispensabile è solo follia mentale. Su certe cose le differenze di vedute non dovrebbero neppure esistere... come quel bimbo con due madri: una ha fornito l'ovulo, l'altra l'utero. Dove vogliamo andare? Più zappa - meno smartphone. Eh! Devo solo aspettare d'andar dietro ai miei vecchi, perchè qui di senso non ce n'è proprio più,,? ;) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Emanuele, i vecchi sono i più giovani in questo periodo ribaltato. La corruzione evidentemente deve passare pure per queste operazioni di propaganda allucinanti, verso il trionfo ultimo della plastica, l'apoteosi del silicio e del silicone. Ciao

      Elimina
    2. Una volta hai scritto "un futuro acrilico".. Forte anche il pezzo recente sui surrogati. Il progresso tende alla realtà virtuale. Pensare che mio padre faceva il bagno nel fiume, ne bevevano pure l'acqua. Ora il fiume è tossico. Bisognerebbe pesare bene i benefici del cosiddetto progresso e i costi tangibili del regresso, di ambiente, salute e qualità di vita. Una volta si faticava un po' di più ma il mondo era vero. Non sintetico. Mi arrabbio.. ;) ciao

      Elimina
    3. Oggi sono le cose naturali a trovarsi in difficoltà. La biosfera è sotto un'azione di modellazione ponderosa. Dovremo per forza abituarci a riprogrammare l'idea astratta che ci eravamo fatti di 'natura' e 'naturale'. La manipolazione è sottile ma incisiva, chissà quale sia l'obiettivo finale? Ciao e grazie Emanuele

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG