06/03/15

Un altro Omicidio Mediatico?


 
 
Traggo dal sito Tomatobubble, le seguenti riflessioni: 

Boris Nemtsov, un presunto ‘oppositore’ del leader russo Putin, è stato ucciso nel centro di Mosca. Addirittura l’ininfluente Renzi è accorso per posare sei garofani sul luogo della sua presunta uccisione.
 
L’associazione naturale che questa notizia spinge a far fare è: in Russia non c’è democrazia, gli oppositori sono picchiati od uccisi. Se osserviamo però con maggiore serenità ed attenzione le forme od i personaggi preposti all’opposizione al ‘regime’ di Putin, possiamo fare alcune considerazioni.
Le cosiddette ‘pussyriot’ sono solo ragazze di un’agenzia di modelle che ‘sfilano’ appunto per denaro. L’omicidio del presunto (e prima misconosciuto) ‘oppositore’ sembrerebbe un falso. La persona a terra infatti non corrisponderebbe ai connotati ed alla fisicità di Nemtsov, un appassionato di fitness, dal ventre piatto e dalla famosa ‘tartaruga’ bene in evidenza.
 
Mancano inoltre i fori dei proiettili e soprattutto il sangue che sarebbe dovuto fuoriuscire copiosamente. Il ventre rigonfio inoltre, qualora fosse quello di Nemtsov stesso, farebbe semmai presagire ad un annegamento, avvenuto quindi in altro loco. Probabilmente siamo di fronte all’ennesima finzione mediatica organizzata dai soliti addetti ufficiali alla menzogna con la complicità della stampa (questa si di regime) internazionale.
 

6 commenti:

  1. Il sito del Saker riporta che lo stesso Putin, in un discorso pubblico di 2 anni fa, aveva previsto che si sarebbe utilizzato un episodio di false flag simile a quello che ha visto Nemtsov nel ruolo di vittima. Ascoltare le chiare parole di Putin:
    http://vineyardsaker.blogspot.co.uk/2015/02/nemtsov-murder-putin-warned-about.html

    RispondiElimina
  2. Tutto torna, mi sembra. Anche lo stesso Nemtsov aveva affermato che sarebbe stato ucciso: "Boris Nemtsov: 'I'm afraid Putin will kill me,' politician said weeks before being shot dead" - The Indipendent -
    ...che preveggenti! Chissà chi era quel poveraccio.
    http://www.independent.co.uk/news/world/europe/boris-nemtsov-im-afraid-putin-will-kill-me-politician-said-weeks-before-being-shot-dead-10077000.html
    Ciao e grazie

    RispondiElimina
  3. Il Ministero della Verità colpisce ancora.

    RispondiElimina
  4. Si, un quadretto ormai quasi confortante data la sua assiduità nell'inganno. Una presenza ormai costante. Ciao

    RispondiElimina
  5. Una volta c'era il prete, la gente credeva all'inferno, ora c'è la TV, la gente crede al telegiornale. Noi siamo paranoici? Beh, di sti tempi una persona sana di mente se non è paranoica dovrebbe diventarlo. I veri pazzi sono i seguaci della matrix che ancora difendono il sistema. Nell'epoca della multimedialità l'inganno è quotidiano, e, di fatto, i demoni hanno messo le ali. Chi ancora crede ciecamente alle menzogne del grande fratello? Ancora troppi, come pecore pascolate dai disinformatori. Ciao Ghigo, bell'articolo, anche l'altro sul transumanesimo come follia mentale universalmente abbracciata dalle elite. E va beh vediamo che succede. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, osserviamo e stiamo a vedere. Cos'altro possiamo fare? Ormai chi doveva 'prendere coscienza' in un modo o nell'altro l'ha già fatto. Gli 'oscurati' invece continueranno ad esserlo purtroppo. Si bevono tutto e, direi, quasi con piacere masochistico: la crisi, gli attentati, il terrorismo ... 'tutto va ben Madama la Marchesa!'. Ciao Emanuele e grazie per il commento.

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG