05/05/15

Le Scie Chimiche ed il Sublime

  
 
L’argomento ‘scie chimiche’ rientra nella sfera dedicata alla teologia, all’estetica, all’aspetto teoretico delle scienze umane. La loro appartenenza all’elemento ‘aria’ ne accantona perentoriamente la sede propria nelle pertinenze del sublime. La loro apparente lontananza dagli aspetti pittoreschi del vivere comune, ne fa oggetto di scherno, ironia, derisione, disinteresse, paura.

Le scie chimiche così si rivestono di quel senso sottile proprio delle teofanie. Questa marcatura perentoria del cielo ricade in una zona fisicamente interdetta agli uomini da tempi immemori. La coltre di silenzio che le riveste appartiene alla liturgia ed al suo corollario del senso del sacro, con tanto di sacerdoti, maggiordomi e sgherri.

La dimensione delle scie chimiche, risiede quindi in un contesto apollineo decisamente liminale ed al contempo tetro ed oppressivo. La luce filtrata dalle cappe chimiche ormai perenni satura l’atmosfera donandole un sapore apocalittico, gelido, ferale.

Al di sotto, la vita vernacolare prosegue il suo cammino verso un declivio lento ma imperioso.

Nelle catacombe, nei grandi santuari della romanità, al riparo dalle spesse ed eterne mura divenute poi scudi per altre genti e funzioni, le scie chimiche sono lontane. L’aria sospesa al loro interno appare senza tempo ed i silenzi talmente profondi da stordire. Appena al di fuori, i cipressi esangui ci ricordano della mattanza in corso, quella della vita, vegetale ed animale. Le vetrate di sottile alabastro velano il tutto di caldo silenzio. 

Scie chimiche, nell’alveo del sublime e dell’apollineo (nella loro accezione sterile e spietata) indicano con chiarezza il motivo per cui non possono divenire argomento popolare. La lunga mano dei signori del pianeta incombe e le scie chimiche sono solo un graffio sulla superficie della sfera, un sigillo etereo che cala sopra tutti noi con una ineluttabilità propria del fato o, meglio, del volere degli dei.
 

2 commenti:

  1. Questa a me sembra una delle più appropriate riflessioni sul significato delle scie chimiche, forse la considerazione umanista più pertinente finora mai scritta. Tale attività, difatti, non potrebbe affatto essere separata dal suo immediato riferimento simbolico e la disattenzione della maggioranza rispetto a tali nefande operazioni, è imputabile proprio a quel tristissimo dissolvimento del “sensibile” interno alla coscienza. La sensibile attenzione profonda è accecata, la quale, a detta dei migliori antichi, sola può riscattare la coscienza impedendole di compiacersi delle più sorde depravazioni dell’intelligenza. Una società “cosmicamente centrata” non avrebbe bisogno di schermare artificialmente il cielo e tantomeno ricercherebbe l’ingannevole appagamento in diversificate artificialità.
    Ancora complimenti per il post, in questo caso si potrebbe davvero affermare essere stato ispirato dall’alto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. All'uscita dal complesso monumentale di Santa Agnese ho scorto questo aspetto del problema. Questa 'aratura inversa' dei cieli, appartiene davvero a quella zona liminale esistente tra il nostro (si fa per dire) mondo e quello degli dei. Un greco antico avrebbe senz'altro imputato le scie al volere di Zeus, no? Ciao e grazie ancora per il gradito commento

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG