08/02/17

L'Incubo preconizza la Realtà


“Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei” 
(Apocalisse 13:16-18)

Il microchip a bioenergia inserito sottopelle con finalità di localizzazione e tracciamento, fino a pochi anni fa, era oggetto di scherno dei saggi e veniva relegato nelle fantasie paranoidi di qualche complottista visionario. Ora che alcune aziende del nord Europa (un gigantesco ed inutile lager di lusso) lo propongono (od impongono?) ai loro dipendenti, l’argomento diviene sorprendentemente reale ed inquietante. Le masse del nord Europa lo assumeranno senza grossi problemi, abituate come sono ad obbedire senza protestare ai dictat dei loro governi satanici. Da parte dei manipolatori, basterà rendere il suo utilizzo seducente e ‘moderno’ per farlo accettare anche alle popolazioni del sud Europa, un pochino più scaltre e prevenute nei confronti dei loro propri sistemi di controllo. Il microchip comunque, dopo questa inutile fase sperimentale, verrà imposto alla popolazione europea e statunitense con una scusa qualsiasi. Senza di esso non solo non si potrà né vendere né comprare, ma non sia potranno far valere dei diritti basilari quali viaggiare, farsi curare, ottenere uno straccio di istruzione. Il recinto si restringe sempre più, con l’acquiescente accettazione dementoide del suo stesso gregge.      


Adnkronos - Addio al badge, arriva il chip sottopelle. A lanciare l'idea è stata la società belga di marketing digitale Newfusion che ha impiantato ad alcuni dipendenti un chip sottopelle contenente i loro dati personali. Tale microprocessore, grande quanto un chicco di riso, ha la funzione di 'tesserino' di identificazione che consente di aprire porte o accedere al computer. Fino ad ora sono otto i lavoratori che hanno accettato di inserire sulla mano, tra il pollice e l'indice, l'innesto del microprocessore dal costo di 100 euro. Come ogni nuovo strumento tecnologico, anche il chip sottocutaneo ha diviso l'opinione pubblica tra favorevoli e contrari, tra coloro che lo considerano un'importante innovazione tecnologica e chi, invece, lo boicotta valutandolo un 'marchio' per animali o oggetti.

per approfondire: LINK1 - LINK2 - LINK3

5 commenti:

  1. E' quanto sta avvenendo con i contatori "intelligenti": li introdussero prima in Svezia, ora li impongono in Italia. Ho ricevuto la lettera in cui mi si comunica che dovrò far installare il contatore "intelligente" che irradia mortali campi elettromagnetici. Io mi opporrò, ma gli altri? E vai col liscio e con i tumori...

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, lasciamoci irradiare! Chissà che non ne emerga un homo novus, dotato di poteri paranormali? Un novello spiderman oppure un hulk...
      Prepariamoci ad abitare su di un pianeta sterilizzato e digitalizzato, privo di contenuti e senso. Ciao

      Elimina
  2. Ciao landofw56 come ci si fa ad opporre ai contatori "intelligenti"? Nel mio condominio ordinano di metterli e non vorrei farli installare.

    RispondiElimina
  3. Ciao Ron,

    nel seguente testo trovi dei consigli. Sono Zret.

    http://www.terranuova.it/News/Ambiente/No-ai-contatori-del-gas-wi-fi-troppi-rischi

    RispondiElimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG