16/06/17

Mississippi: Vaccinazioni e Mortalità Infantile


Lo stato del Mississippi, ha un obbligo vaccinale infantile molto rigido (fino a 49 dosi vaccinali per bambino!) che non esclude neppure i pochi appartenenti alle comunità religiose che rifiutano le cure mediche ufficiali. Di contro sempre lo stesso stato ha il più alto tasso di mortalità infantile ed un’altissima incidenza di autismo


Di cosa stiamo parlando? Delle correlazioni statistiche tra vaccinazioni infantili e danni neurologici e mortalità infantile, della mancata correlazione tra vaccinazioni e salute infantile ed anzi, al contrario. riflettiamo:

 

3 commenti:

  1. Beh però quest'articolo non dimostra niente...
    Possono avere una estesa copertura vaccinale ma anche il sistema sanitario più scalcagnato del paese...
    Oppure una buona copertura vaccinale ma pessime condizioni igieniche.
    La mortalità infantile è sicuramente correlata alle condizioni socio-economiche, alle condizioni igieniche, ed alla validità del sistema sanitario, delle strutture sanitarie e dell'accessibilità (in ogni senso) delle strutture sanitarie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La farmacopea si basa sulle statistiche e questi sono dati molto evidenti.
      Non stiamo parlando poi di uno staterello centroafricano ma del Mississippi, uno stato moderno parte degli Usa.
      Occorrerebbe domandarsi invece il perché non vengano fornite ai genitori statistiche certe ed indipendenti sui danni da vaccinazioni a medio e lungo termine, prima di dover inoculare i propri figli con sostanze neurotossiche ed altre sconosciute. L'affaire vaccinazioni comincia a scricchiolare ... purtroppo!
      Quanto sarebbe bello se esistessero farmaci sicuri in grado di difendere dalle malattie ed accrescere lo stato di salute generale! Purtroppo non è così e sembra addirittura che sia proprio il contrario!

      Elimina
  2. https://pianetax.wordpress.com/2017/06/17/linvasione-di-clandestini-passa-per-gardaland/

    RispondiElimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG